Crescita personale guide

Crescita personale


Siamo abituati a pensare all’intelligenza come ad una facoltà esclusivamente cognitiva, che prevede la capacità di risolvere problemi e raggiungere obiettivi, formulare ragionamenti logici o pensieri astratti, comprendere ed apprendere.
In realtà, questa definizione racchiude solo una delle manifestazioni dell’intelligenza: lo psicologo Howard Gardner ne ha identificate ben 9.
Scopriamole tutte nell’articolo.


Continua a leggere

La Psicologia Positiva è una recente linea di ricerca in psicologia, che ha l’obiettivo di approfondire tematiche a lungo trascurate, fra cui benessere psicologico, qualità della vita e funzionamento umano ottimale.
Nell’articolo scopriremo in che modo si differenzia dagli altri approcci terapeutici.


Continua a leggere

Chi è immune dall’errare, cadere, fallire?
Smettiamo di considerare noi stessi come gli unici incapaci sulla Terra e diciamoci la verità: tutti compiamo errori, nessuno escluso.
Del resto, il controllo che possiamo avere sugli eventi è molto limitato, se non nullo. Casualità, connessioni imprevedibili, caos, doveri, inganni, manipolazione…tutto ciò può farci sentire veramente impotenti.
Ritrovare il proprio potere è possibile: ecco come.


Continua a leggere

Il primo segreto per poter comunicare in modo assertivo è conoscere le componenti non verbali e paraverbali del linguaggio.
Lo sguardo, le espressioni facciali, i gesti, le posture sono elementi del linguaggio non verbale, mentre il ritmo, il tono e altre manifestazioni sonore fanno parte del paraverbale.
Saper riconoscere questi segnali ed essere consapevoli del modo in cui noi stessi li manifestiamo, rappresenta un grande aiuto al fine di intraprendere una comunicazione soddisfacente.


Continua a leggere

Educare i bambini a meditare: un’idea inconcepibile per la maggior parte delle persone, che considerano i bambini cicloni di energia inarrestabile, da acquietare con attività di vario genere, fra i mille impegni della quotidianità.
La meditazione, in realtà, può essere di grande beneficio per i bambini.
Vediamo nell’articolo come la fiaba e altre forme di “meditazione” possono essere utili a tale scopo.


Continua a leggere

Nell’articolo Conosci e migliora te stesso con l’Enneagramma della personalità abbiamo definito la struttura e il funzionamento dell’Enneagramma, le declinazioni dei 9 enneatipi, le caratteristiche negative e le potenzialità evolutive di ognuno di essi.
Comprendere gli aspetti disadattivi della propria personalità, le difese comportamentali e le distorsioni cognitive, apre la strada ad un percorso di evoluzione interiore, che permette di liberare risorse fino a prima inesplorate.

Vediamo ora nel dettaglio gli elementi distintivi dei tipi di personalità 1, 2, 3 e 4.


Continua a leggere

L’Enneagramma è uno strumento di origini antichissime, utilizzato per secoli negli ambienti esoterici, allo scopo di comprendere la natura dei fenomeni ed interpretare il meccanismo dei sistemi.
In ambito psicologico compare negli anni ’60, quando Ichazo e Naranjo, allievi del mistico Gurdjieff, ne entrano in possesso; essi ne rielaborano il significato ed iniziano ad impiegarlo come metodo di studio della personalità, con il fine di promuovere la crescita individuale.
L’obiettivo è quello di rendere la persona consapevole degli schemi cognitivi e comportamentali che limitano l’espressione di sé e le relazioni con gli altri, per poterli gradualmente modificare.
Nell’articolo illustreremo la struttura e le funzioni dell’Enneagramma.


Continua a leggere

La meditazione Mindfulness, o meditazione di consapevolezza, nasce dagli studi di Mark Williams, John Teasale e Zindel Segal, rispettivamente ricercatori delle Università di Oxford, Cambridge e Toronto.
I tre colleghi hanno messo a punto la Mindfulness-based Cognitive Therapy (MBCT), un protocollo di 8 settimane per la prevenzione delle ricadute nei pazienti che soffrono di depressione.
La tecnica si è rivelata così efficace che il Sistema Sanitario inglese ha deciso di adottarla come trattamento primario dei disturbi depressivi (vedi  I benefici della meditazione sul corpo e sulla psiche).
Leggi di più per conoscere il funzionamento e i benefici della meditazione Mindfulness.


Continua a leggere

Si sente spesso parlare di “lavoro su di sé”, ma cosa si intende esattamente? A cosa si riferisce?
Il lavoro su di sé è quel processo di trasformazione interiore che permette l’auto-conoscenza e l’evoluzione personale, al fine di ritrovare il contatto con la propria vera natura, per agire responsabilmente nel mondo.
Il concetto suona nuovo per il nostro tempo, ma non per chi abbia qualche conoscenza in materia di alchimia, antico sistema filosofico esoterico.
Il vero scopo dell’alchimista non era quello di trasformare i metalli in oro, bensì di realizzare la trasmutazione della parte negativa della personalità, fino a riscoprire il proprio “Dio interiore”.
Lo stesso Jung ritrovò nell’alchimia numerose affinità con la sua psicologia analitica.

Vediamo nello specifico le analogie fra alchimia e teoria junghiana, come orientamento per un efficace lavoro su di sé.


Continua a leggere

Ti piacerebbe sapere che ogni avvenimento che ti accade, così come ogni esperienza che vivi, può avere un’interpretazione a seconda delle caratteristiche della tua personalità?
Secondo la Legge dello Specchio, il mondo con cui ognuno di noi si confronta non è altro che un riflesso del proprio essere interno; ciò significa che assume rilevanza solo ciò che è già dentro di noi, ciò che è conosciuto in quanto affine o problematico.
È facile e scontato dare la colpa agli eventi, alzando le mani rispetto alle proprie responsabilità, oppure vedere il mondo popolato da ostacoli e nemici, senza essere consapevoli che l’esterno è solamente uno specchio dell’interno.

Quando impariamo a concepire persone e situazioni come parti della sceneggiatura della nostra vita, iniziamo a capire.


Continua a leggere

Il mondo sta cambiando rapidamente e in un periodo di incertezze come quello attuale, segnato da grandi mutamenti sociali e dal mitizzato risveglio della spiritualità, si parla molto di “lavorare su di sé”, per crescere interiormente, superare le barriere innalzate dalle paure e aprire il cuore alla libertà.

Ma cosa significa esattamente compiere un lavoro interiore?
Continua la lettura per scoprire alcune indicazioni utili per affrontarlo.


Continua a leggere

Il percorso di evoluzione di un essere umano è potenzialmente infinito: siamo noi stessi gli unici a poterlo limitare, vietandoci esperienze o ripercorrendo strade già conosciute, frenati dalla paura di volgere lo sguardo altrove.
Ognuno di noi è in grado di costruire la propria felicità attivamente, senza scendere a patti con il diavolo, con il destino o con un’altra persona.
Nel perseguire l’obiettivo della felicità, il concetto di “perdono” ha un’importanza fondamentale, che non riguarda l’assoluzione religiosa dal peccato, ma la capacità di lasciare andare tutto ciò che provoca dolore, il passato che non serve più trattenere.

Nel seguente articolo approfondiremo il significato del perdono e i benefici di “lasciare andare”, per un approccio più positivo alla vita.


 

Continua a leggere

Il “lato oscuro”, quello che Jung definiva Ombra, è una parte significativa e ben radicata in ognuno di noi: accettare questa realtà è il primo passo per comprenderla.
Conoscere se stessi significa esplorare il buio, addentrarsi in profondità e prendere contatto con tutto ciò che rifiutiamo di vedere perché sommerso al di sotto della coscienza, ma che può essere dedotto facendo luce sulle nostre paure, i fastidi, gli evitamenti, le emozioni negative, i pensieri distruttivi.
Accettare il fatto di non poterlo eliminare ma solo controllare, è essenziale per riuscire a non esserne dominati.

Scopriamo allora in cosa consiste il lato oscuro e come convivere con esso.


Continua a leggere

Realizzare i propri desideri non è un’impresa impossibile, ma il frutto di un paziente lavoro interiore.
Nell’articolo La “Legge di Attrazione” e la sincronicità di Jung abbiamo compreso l’importanza delle coincidenze e della loro interpretazione in chiave simbolica.
La “Legge” suggerisce che se riusciamo a sintonizzarci con i nostri desideri in modo da comprendere i nostri reali obiettivi, possiamo aprire le porte a quegli eventi esteriori in grado di fornirci tutto ciò che ci serve per realizzarli.
Affinare la sensibilità percettiva è quindi un passaggio fondamentale, tuttavia da solo non è sufficiente.
Vediamo allora quali sono le condizioni da abbandonare e da favorire per realizzare i propri desideri.


Continua a leggere

Chi non ha mai sentito parlare, almeno una volta nella vita, della seducente “Legge di Attrazione”?
Termine decisamente ad effetto, si riferisce alla potenzialità innata dell’uomo di fare accadere ciò che desidera, forgiando la propria realtà con il pensiero.
Considerato che l’ampia diffusione di un concetto è sempre accompagnata da interpretazioni inesatte e approssimative, vediamo di approfondire il significato della Legge di Attrazione e di comprenderne il legame con la fisica quantistica e con l’ipotesi della sincronicità.


Continua a leggere

Vivere sereni: un’utopia?
Quante volte, per essere gentile con gli altri, hai rinunciato a te stesso fino ad annullarti?
Quante energie hai speso per occuparti di problemi, rancori, situazioni ambigue o speranze vane?
Ci sono comportamenti, modi di relazionarsi e pensieri che dovremmo ricordarci di valorizzare per poter vivere sereni.
Non sono formule magiche né suggerimenti difficili da applicare: si tratta solo di mettere se stessi al primo posto, dedicarsi alle proprie esigenze e ai propri desideri, modulando le interazioni con le altre persone nel rispetto dei principi e della specificità di entrambe le parti.

Vediamo allora quali sono i suggerimenti utili per vivere sereni, riacquistare il pieno controllo della propria vita e costruire relazioni soddisfacenti.


Continua a leggere

Meditazione facile è una piccola guida utile per comprendere aspetti e concetti della meditazione, imparare a conoscerla e praticarla con consapevolezza.
“Meditazione” è la parola del momento: tanto se ne discute, rischiando di perdersi fra terminologie ostiche e tecniche dai nomi bizzarri, che la fanno apparire tutt’altro che semplice; in realtà, che sia trascendentale, zen, mindfulness, vipassana o reiki poco importa, purché se ne comprenda il più vasto significato e il modo per utilizzarla nella vita reale.


Continua a leggere

Aumentare l’autostima si può: l’alto o il basso grado di stima in noi stessi non è una caratteristica innata, ma un’auto-definizione mutevole e malleabile, che può essere allenata e potenziata.
La stima di sé è un ingrediente fondamentale nella relazione con noi stessi, con gli altri e con il mondo.
La maggior parte dei disturbi mentali e delle difficoltà esistenziali deriva da una scarsa fiducia in sé e nelle proprie capacità.

Vale la pena, quindi, soffermarci sull’importanza, per ognuno di noi, di rafforzare e aumentare l’autostima, in modo da creare le condizioni necessarie per affrontare la vita al meglio.


Continua a leggere

Copyright © 2017 - A cura della Dott.ssa Claudia Casalboni, Albo Psicologi Emilia Romagna, n° 8141/ sez. A - Tutti i diritti riservati. claudiacasalboni.psicologa@gmail.com